martedì 27 giugno 2017

6ª Tappa Blogtour 'Dente per Dente' di Francesco Muzzopappa


Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.
In questo giorno gioiglorioso in cui un tot di anni fa prendevo la prima comunione, vi propongo un blogtour a cui tengo un sacco un sacco.

Oggi, Ohmacheansia ha il piacere di ospitare sul blog la sesta tappa del Blogtour dedicato a 'Dente per Dente' di Francesco Muzzopappa.
(Uscito il 22 giugno in tutte le librerie per Fazi a € 15,00)


Un evento organizzato in collaborazione con altri fantastici blogger di cui vi consiglio le tappe e le recensioni.

Innanzitutto di seguito troverete il calendario con tutte le tappe.




Ma ora bando alle ciance e ciancio alla bande e veniamo subito alla mia tappa!
Avete voglia di fare un giro nel museo Mu.Co ed ammirarne le opere più brutte e cesse che si siano mai viste?

Per citare Muzzopappa: 
Perché una delle caratteristiche principali del MU.CO. è che, in mancanza d’opere di primo livello, le pareti sono invase da quadri di quarta o quinta categoria dei più grandi maestri dell’arte contemporanea. Come ha scritto il critico Morosetti sulle colonne di «la Repubblica»: «Anche i geni della pittura di tanto in tanto si sono riposati, producendo, in quei frangenti, delle autentiche croste d’autore. Il MU.CO. ha il pregio di raccoglierle tutte», una stroncatura, questa, che potrebbe anche avere l’aria di un sincero apprezzamento.



IL MUSEO MU.CO E LA STORIA DELL'ARTE


Lasciate che vi porti lungo i corridoi del museo alla scoperte di alcune delle opere d'arte Mu.Co!







Queste sono solo alcune delle opere che potete trovare al museo Mu.Co (e nel romanzo di Muzzopappa), ma vi lascio anche qualche immagine inedita.


Agnes martin - Kitchen - 1999 - Acrylic paint and graphite on canvas


George Braque - Two Black Wings - 1961 - oil on canvas


Otto Piene -  Eklipse - oil and soot on canvas

Richard Mortensen - la bouche - Oil on canvas

Vi lascio anche un piccolo approfondimento scritto da Muzzopappa in persona sulle opere d'arte:

Le opere incluse nel romanzo saranno grosso modo una dozzina. Nella migliore tradizione secchiona che mi contraddistingue dalla prima elementare, ne ho però realizzate una trentina per poi scegliere solo le migliori, quelle che sfuggivano alla logica dell'imitazione per diventare parodia. Sono quindi partito dagli stili distintivi degli artisti presi in esame nel testo, ne ho studiato a fondo il tratto e in qualche modo ho spinto il cursore fino al paradosso, creando opere d'arte che nella loro follia rasentano il grottesco, un meccanismo comico che applicato all'arte contemporanea ne amplifica l'effetto.

Bene ragazzi, la tappa/tour finisce qui.
Cosa ne pensate delle opere di questo museo?

Non dimenticate di completare il form rafflecopter per poter partecipare all'estrazione.


Bene, il post finisce qui, ma non dimenticate di commentare tutte le tappe.
A risentirci cari svampitelli miei.


 
Con amore,
Svamps.

5 commenti:

  1. Oddio queste opere come le fai definite tu sono proprio "Cesse"
    Ma ci capisco poco di arte ma veramente non sono commentabili

    RispondiElimina
  2. Ciao Ohmacheansia! ^_^ Questa tappa mi ha immersa ancora di più nell'ironia del libro (facendo scattare in me qualche risata e qualche attimo di riflessione), e devo dire che queste "croste d'autore" colpiscono nettamente la mia attenzione!! ;D Tappa assai colorata e particolare, che ho seguito con colorito interesse!! ;-)
    Ho condiviso questa tappa qui:
    https://www.facebook.com/lara.a.milano/posts/10158858662225514?pnref=story
    Seguo tutti i blog e le relative pagine facebook come Lara Milano, ho compilato il form e la mia e-mail è lamarama8@gmail.com

    RispondiElimina
  3. che poi come si fa a capire quali opere sono catorci e cosa capolavori della famosa arte moderna. cioè quella del gatto capovolto è orribile!
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  4. Sei stata proprio originale a mostrarci le opere del famoso MU.CO Che dire? Amo l'arte in generale ma l'arte moderna è spesso un emigma per me. Molto interessante davvero questa tappa che ho condiviso in Twitter:
    https://twitter.com/micaelacat/status/879828928759828481
    La mia mail è: micaelac@tin.it e sono lettrice fissa col nome micaelac. Ciao e ... che ansia!

    RispondiElimina